3. DIRITTI E DOVERI

3.1 Doveri del lavoratore

"E' prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell'impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell'imprenditore" ‑ Art. 2094 del Codice Civile

Oltre l'obbligazione principale, che è quella di prestare l'attività lavorativa oggetto del contratto di lavoro, il lavoratore è tenuto all'osservanza di una serie di obblighi cosiddetti secondari ma indubbiamente importanti per il normale funzionamento del rapporto di lavoro:

3.1.1 Sanzioni disciplinari

La violazione degli obblighi appena descritti, come il mancato adempimento all'obbligo di prestare l'attività lavorativa oggetto del contratto, potrà essere sanzionato dal datore di lavoro attraverso l'applicazione dei provvedimenti disciplinari proporzionali alla gravità della violazione commessa dal dipendente.
Queste sanzioni disciplinari sono definite dallo statuto dei lavoratori, dal Codice Civile, nonché dal Contratti Collettivi di Lavoro.

Tali provvedimenti disciplinari possono variare dal semplice richiamo scritto o verbale alla sospensione disciplinare sino al massimo provvedimento disciplinare che è costituito dal licenziamento.

Secondo l'Art. 7 dello statuto dei lavoratori (13) le sanzioni disciplinari che possono essere inflitte al lavoratore sono:

Una tutela per il lavoratore è data dal Contratti Collettivi di Lavoro che determinano una corrispondenza tra le infrazioni commesse e le sanzioni disciplinari garantendo la possibilità di difesa e l'imparzialità dell'accusa.

Lo stesso Art. 7 fissa una procedura alla quale il datore di lavoro deve attenersi nell'esercizio del suo potere disciplinare.

Tale procedura si articola nelle seguenti fasi:

Oltre alle sanzioni disciplinari il lavoratore può essere assoggettato alle sanzioni civili, amministrative e penali, quando il suo comportamento configuri un illecito civile, amministrativo o penale, secondo l'ordinamento giuridico vigente.

3.2 Poteri del datore di lavoro

In corrispondenza degli obblighi spettanti al lavoratore, al datore di lavoro per legge sono conferiti i seguenti poteri:

3.2.1 Doveri del datore di lavoro

All'interno del potere direttivo dell'imprenditore si fanno rientrare quelli che sono i suoi obblighi, cui corrispondono altrettanti diritti del lavoratore:

Il datore di lavoro che non osservi i suoi obblighi, pur non potendo subire sanzioni disciplinari, può incorrere in sanzioni civili, amministrative e penali.


(13) Legge 300/1970